Un tal Vinidario

Esiste un noto ricettario di età tardoantica all’interno di un codice onciale conservato a Parigi, il Codex Latinus Parisinus 10318 noto come Codex Salmasianus, scritto ad opera dell’”illustre” Vinidarius.

Vinidario,  un goto dall’impronunciabile nome di Vinithaharjis, vissuto intorno al VI secolo, descrive una serie di ricette derivate, a detta sua, dal noto gastronomo di epoca imperiale Apicio. Ovviamente le ricette, prese come spunto da Apicio, ci restituiscono un quadro gastronomico dell’età tardoantica attuata presso la  corte di Ravenna e delle sontuose ville senatorie.

mausoleo-teodorico-02

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...