Il sensazionalismo che non aiuta

Un titolo sensazionalista: “Danimarca, il crocifisso trovato per caso che potrebbe cambiare la storia”.

Il contenuto è ancora più divertente, con deduzioni alquanto bizzarre…

Si racconta che il danese Dennis Fabricius Holm, un cercatore di tesori amatoriali, sia uscito dotato di metal detector per perlustrare un campo vicino alla città di Aunslev (Østfyn, Danimarca). Cerca che ti ricerca il suo aggeggio inizia a suonare perché individua qualcosa.

Come un novello Indiana Jones, il nostro Dennis inizia a scavare e trova un piccolo crocifisso immerso nel fango. Lo pulisce, lo fotografa e lo posta sul suo profilo Facebook.

In molti, vedendo la foto, gli consigliano di rivolgersi al Museo locale.

Qui il responso dei responsi: “Per gli esperti si tratta di un ritrovamento straordinario: quella croce infatti, forse appartenuta ad una donna vichinga, dovrebbe risalire alla prima metà del 900 (X secolo) indicando così che il cristianesimo era già presente in Danimarca ben prima di quanto ipotizzato finora. Dal peso di solo 13,2 grammi e lungo 4 centimetri, il manufatto dorato è liscio sul retro e ha un piccolo foro che indica che fu utilizzato come catenina. La sua datazione dovrebbe essere dellla prima metà del X secolo mentre fino ad ora, nei libri di storia, i segnali di presenza del cristianesimo nel paese scandinavo risalivano alla seconda metà, data delle Jelling Stones, le grandi pietre runiche di Jutland che mostravano la più antica raffigurazione di Gesù su una croce in Danimarca. Quelle pietre commemoravano la conversione dei danesi al cristianesimo ma ora la data potrà essere rivista. “Questa croce può far capire quando i danesi fossero realmente divenuti cristiani – spiegano gli esperti – Un ritrovamento che finirà nei libri di storia”. La croce è ora conservata nel Viking Museum Ladby e a Pasqua sarà esposta ai visitatori” (fonte repubblica.it)

ratiocrop

Non siamo nella sfera della fantarcheologia, sia ben chiaro; anche se il titolo “sensazionalista” lo ricorderebbe. Cos’è la fantarcheologia?  La fantarcheologia è quell’insieme di teorie che spiegano monumenti ed eventi di civiltà del passato sulla base di assunti fantascientifici o semplicemente fantasiosi, in contrasto con l’archeologia ufficiale e tendenzialmente incompatibili con la razionalità propria di ogni discorso storico.

I media tendenzialmente vanno a nozze con queste teorie proprio perché possono essere utilizzate per creare la notizia. Che spesso si sgonfia.

Sulle persone, però, queste notizie creano ulteriore confusione perché non si riconosce l’attendibilità della fonte e la reale portata, ad esempio, di un ritrovamento. Come in questo caso.

Capisco la sintesi, però mi sembra eccessivo.

Chi bazzica in ambito archeologico, sa perfettamente che senza un contesto all’interno del quale un oggetto può esser stato ritrovato, poco si ha da dire su proprietà e varie. Tutte le ipotesi potrebbero essere valide come tutte potrebbero essere scartate.

Se non esistono raffronti stilistici con altri oggetti di cui si ha chiara la provenienza e la datazione, si brancola nel buio.

Va bene, qualcosa bisogna pur rispondere alle domande, sia ben chiaro, però la confusione è sempre in agguato.

Soprattutto le deduzioni che sono state realizzate sembrano bizzarre. Non dico che siano stati gli esperti, magari montato così l’articolo, il tutto sembra  “leggermente tirato”.

Abbandoniamo un secondo il discorso della proprietà dell’oggetto (ma poi perché proprio solo una donna)  per addentrarci sull’aspetto simbolico e sul collegamento con il cristianesimo: se l’oggetto fosse stato posseduto solo perché oggetto di lusso arrivato con mercanti e non per aspetti votivi? Chi deteneva l’oggetto doveva essere necessariamente un credente? Oppure, se non fosse una croce “cristiana” ma un gioiello generico con altro valore simbolico?

Alla fine di tutto, in ogni caso,  fosse anche una testimonianza della retrodatazione dell’arrivo del cristianesimo al Nord…dove sarebbe lo scoop? In che modo cambia la storia?

Una data, fa primavera?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...