Un cinghiale marino

Nel 1597 tra il Ponte Spinola e la Darsena nel porto di Genova fu rinvenuto un oggetto di bronzo, con una forma a testa di cinghiale; classificato da subito come un rostro di una nave romana, venne poi identificato come un “Xistus” o Sisto. Il Sisto era un lungo palo di legno, sospeso e legato, generalmente, all’albero della nave per mezzo di maniglie e di corde, che presentava ad una estremità un ordigno di metallo, una specie di spuntone di ferro, a volte a forma di testa di animale; utilizzato durante gli abbordaggi, manovrato da più uomini, andava a cozzare contro le navi nemiche fungendo da ariete. Un’altra interpretazione, più recente dell’oggetto, propende, invece, per una funzione di rivestimento, a protezione della parte frontale dell’asse di chiglia di una trireme, per evitare gravi danni in caso di urto. Viene datato al III sec.a.C., anche se la datazione rimane incerta vista la singolarità del reperto. Dopo il rinvenimento venne collocato sulla porta dell’Arsenale di Genova con una targa “dell’esimia gloria degli antenati nell’attività nautica”; portato via dai Savoia dopo il 1815, quando il Concilio di Vienna sancì l’annessione della Repubblica di Genova al Regno di Sardegna è ora conservato all’Armeria Reale di Torino, mentre una copia è visibile al Museo Navale di Genova Pegli (credits picture .facebook.com/Museo.Archeologico.Genova).

2015/04/img_2817-0.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...