No frutta secca, no Natale!

Che Natale sarebbe senza la presenza sulla tavola della frutta secca? E senza i fichi?

Il consumo della frutta, soprattutto essiccata e cotta è antico quanto l’uomo! Senza andare troppo indietro nel tempo, limitiamoci a Platone, che nella sua Repubblica afferma: “Poi aggiungeremo ancora una portata: fichi, ceci e fave e arrostiranno sotto la cenere, vicino al fuoco, bacche di mirto e ghiande, sorseggiando vino con moderazione”.

Da Platone passiamo a un personaggio più volte citato in questo blog: Ateneo. Nel suo “I dotti a Banchetto” ci scrive: “…non si esportavano dall’Attica i fichi secchi di produzione locale, perché solo gli abitanti potessero gustarli: e poiché molti erano sorpresi a rubarli, quelli che li denunciavano ai giudici furono detti allora per la prima volta sicofanti”.

Pronti a rimpinzarvi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...