Pasteggiar col defunto

Quanto si parla di defunti e corredo funerario costituito dal cibo, pensiamo subito alle sepolture dell’Antico Egitto. In realtà, diverse Civiltà antiche (forse la stragrande maggioranza) attuavano il rituale del pasto funerario. Pasto che poteva svolgersi quotidianamente, una tantum o con frequenza intermedia. Oltre al pasto che si sarebbe svolto in modo virtuale tra vivi e defunti, nelle sepolture potevano essere deposti degli alimenti ad appannaggio esclusivo del defunto.
Non solo Egizi, Mesopotamici o Hittiti, ma anche Greci, Romani e non stupiamoci: i Cristiani.

Le influenze dei riti romani erano forti, sia la preparazione del corpo del defunto sia nella consuetudine di celebrare l’eucarestia. Ben documentato da un punto di vista archeologico, il refrigerium o pasto funebre era il rito principale che accompagnava la deposizione del defunto. Nel mondo romano si svolgeva anche in giorni dedicati alla commemorazione dei defunti, rito ripreso dagli adepti al cristianesimo. I Padri della Chiesa ne criticavano sopratutto gli eccessi, ma nonostante lo avversassero, il rito del pasto funerario fu realizzato in ambito cristiano per molti secoli, anche se con sfumature e significati diversi rispetto al mondo romano (ma la sostanza poco cambia: sempre di cibo si tratta!)
Le strutture del refrigerium rinvenute sono di diversi tipi: piccole mense intonacate, rettangolari, semicircolari e solo occasionalmente a sigma. Sono state ritrovate nei pressi di una o più sepolture, come anche costruzioni in muratura o parzialmente in legno funzionali alla celebrazione comunitaria del rito.
Interessante verificare che fino alla fine del III secolo d.C tali strutture erano private e singole, ossia direttamente riconducibili a una sepoltura precisa; successivamente, vengono realizzate ad uso comunitario e quelle esistenti vengono modificate in modo tale da “servire” più tombe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...