Frammenti (2)

Nell’antica Roma si usava anche un lievito fatto con mosto d’uva; si faceva una volta all’anno durante la vendemmia aggiungendo anche pasta madre…

Contraffazioni! Nell’antica Roma, la più comune era quella di annacquare il vino, si poteva scoprire la ‘contraffazione’ versandone un po’ in una tazza di legno d’edera, che si diceva lasciasse passare il vino e trattenesse l’acqua…Nelle fattorie italiche si produceva poi falso vino greco aggiungendo al mosto acqua di mare o salamoia satura..

Sempre nell’antica Roma, esistevano vini particolari come il ‘Foliatum’ e il’Nardinum’ che erano composti di estratti profumati ed era costume raffinato berli in ampolle di Cosmo, che erano piccoli vasi per conservare il profumo. Esistevano poi anche vini di frutta ricavati dalle cotogne, mele, pere, fichi, datteri, melograni e more…!!!

Chicche dai Musei Italiani: brocca eneolitica con versatoio e con orlo obliquo, con decorazione a punti impressi…III mill.a.C., da Conelle d’Arcevia, Museo Archeologico Ancona (foto da sito guanciarossa.it/)

10421988_292910254204400_2560332747973439008_n

Altro “tesoro nascosto” dal Museo Archeologico Nazionale delle Marche di Ancona, un ‘ oinochoe’ (vaso per versare vino) dalla necropoli di Monte Penna di Pitino presso San Severino Marche. Il corpo è un uovo di struzzo decorato con fregi, collo e piede restaurati in legno moderno e versatoio in avorio e applicazioni in oro con figura femminile che si tiene trecce..(foto da archeo.it)

 

10429426_293293150832777_2783556743446077299_n

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...