Pollo in pastella alla babilonese

Nella Bibbia si trova scritto:”Non cuocerai il capretto nel latte di sua madre”. Questo è uno dei casi acclarati di quando il cibo diventa un elemento di identità culturale,  un modo per diversificare il popolo eletto dagli altri popoli del Vicino Oriente; infatti,  gli antenati di Abramo cucinavano la carne nel latte. In molte ricetta antico babilonesi troviamo, per la realizzazione di piatti di carne di volatile, una “pastella” fatta con farina e latte; in una ricetta una zuppa di piccione prevedeva porro, aglio, cipolla e ‘kisimmu’ un derivato solido del latte.
Prendiamo spunto da questa ricetta per preparare una fettina di petto di pollo “in pastella alla babilonese”.

Preparazione: tagliamo a piccoli il petto di pollo. Dividiamo gli albumi dai tuorli, sbattiamo questi ultimi con una frusta e aggiungendo un pizzico di sale. Poi aggiungiamo il latte freddo sempre mescolando con la frusta e la farina ben setacciata . Uniamo gli albumi montati a neve, e li mescoliamo con molta attenzione.

La pastella è pronta, immergiamo nella pastella i pezzi di pollo e li friggiamo in abbondante olio di semi di sesamo.

Ingredienti: 1/2 chilo di petti di pollo, 2 uova, 150 gr di farina, 200 ml latte, sale e olio qb

(la foto è stata presa dal sito: http://www.misya.info)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...