Lenticchie e primogenitura

Chi l’avrebbe detto che un piatto di lenticchie valesse una primogenitura! Seguiamo il passo della Genesi:
“Una volta Giacobbe aveva cotto una minestra di lenticchie; Esaù arrivò dalla campagna ed era sfinito. Disse a Giacobbe: «Lasciami mangiare un po’ di questa minestra rossa, perché io sono sfinito». Per questo fu chiamato Edom. Giacobbe disse: «Vendimi subito la tua primogenitura». Rispose Esaù: «Ecco sto morendo: a che mi serve allora la primogenitura?». Giacobbe allora disse: «Giuramelo subito». Quegli lo giurò e vendette la primogenitura a Giacobbe. Giacobbe diede ad Esaù il pane e la minestra di lenticchie; questi mangiò e bevve, poi si alzò e se ne andò. A tal punto Esaù aveva disprezzato la primogenitura.” (Genesi 25, 29-34).
Far scaldare l’olio in una pentola insieme all’aglio schiacciato, al rosmarino e alla salvia sminuzzati. Tritare la cipolla e farla imbiondire nell’olio. Nel frattempo tagliare a dadini le carote e il sedano e aggiungerli alla cipolla insieme a mezzo bicchiere di brodo. Lasciar cuocere a fuoco medio con il coperchio per un paio di minuti, aggiungere le lenticchie sciacquate e lasciare cuocere qualche minuto senza coperchio, a fuoco medio. Abbassare il fuoco, versare il brodo in quantità sufficiente per coprire completamente le lenticchie e cuocere per una ventina di minuti, mescolando di tanto in tanto. Aggiustare a gusto di sale e pepe e servire.

20130426-185342.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...