Tilapia nilotica fritta

Nei segni geroglifici, la figura di questo pesce è il determinativo che lo identifica: Tilapia nilotica. Un pesce assai diffuso nel Nilo, appartenente alla famiglia dei Cicladi, uno tra i pesci più rappresentati nell’arte egiziana.
Lasciamo ad altra sede il valore simbolico religioso di questo pesce e addentriamoci nella cucina di questo pesce. Senza dubbio gli abitanti dell’antico Egitto lo avrebbero cotto alla brace, ma nessuno può escludere che la carne della Tilapia sia arrivata sulla tavola di un faraone così cucinata: filetti fritti di Tilapia Nilotica.
Preparate la pastella per frittura utilizzando uova, farina, latte, sale.
Per friggere gli antichi Egizi non erano soliti usare l’olio di oliva. In Egitto l’ulivo fu importato solo verso la metà del II millennio a.C. e risulta essere più diffuso l’impiego di sostanze oleose ricavate dalla noce della moringa, oppure dal lino e dal sesamo o si friggeva con lo strutto. Sentitevi liberi di usare l’olio che preferite!
Non resta che sperimentare. Buon pranzetto alla Tilapia!

20130413-223245.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...