Carrube

Nell’antichità l’utilizzo della carruba è frequntemente attestato sia dalle fonti scritte sia dai reperti archologici. Le famose carrube rinvenute nella preziosissima tomba di Ka (Deir el Medina, XVIII dinastia, Eitto) o quelle rinvenute a Pompei, ne sono la testimonianza meteriale diretta. A cosa servivano? Dalla più nobile preparazione del vino al cibo per gli animali, fino al sostentamento degli asceti nel deserto o del “figliol prodigo”. La carruba viene utilizzata ancora come addensante. Da sapere: le carrube sono un alimento privo di glutine e che quindi possono tranquillamente essere consumate da chi soffre di celiachia.

20130406-214704.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...