Il mistero della tomba di S. Stefano

La tomba del protomartire Stefano si troverebbe nel territorio di una casa salesiana (!) di Bet Gemal, località a circa 30 km da Gerusalemme.
Il protomartire, appartenente alla primissima schiera di seguaci degli apostoli, fu linciato e lapidato dal popolo di Gerusalemme (34 o 36 d.C) perché reo di “bestemmie”.
Della sua sepoltura si parla già nel 415 d.C. In una lettera inviata alle chiese d’Oriente e d’Occidente veniva annunciato il ritrovamento della tomba di santo Stefano, da parte di un tal Lucianos. Questo uomo di “chiesa” fece un sogno grazie al quale rinvenne la tomba del Santo proprio vicino alla chiesa da lui officiata. Nel 614 d.C. i sasanidi di re Cosroe rasero al suolo tutte le chiese della Palestina, eccetto quella della Natività di Betlemme, perché le figure dei tre magi raffigurati sulla facciata sembravano loro familiare essendo vestiti come essi stessi vestivano.
Della tomba, poi non si seppe più nulla fino alle recenti ricerche e conferme arrivate da scavi condotti da studiosi salesiani. A suggellare e a confermare (attenzione attenzione) che in quel luogo fosse stato sepolto Stefano, fu il ritrovamento (2004 circa) di un’architrave con un’ansa su cui si notava una scritta quasi illeggibile che l’ epigrafista Père Puech, dell’École Biblique di Gerusalemme, dopo lunghi studi interpretò: DIAKONIKON STEPHANOU PROTOMARTYROS. Che dire? Mistero risolto?

20121226-202505.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...