Coabitazione forzata

La commistione tra vita e morte sembra un elemento che non abbandona l’umanità. Se nell’antico Egitto, per la concezione e visione della vita e della morte, le necropoli erano città che si sarebbero animate con il Nilo che le separava dagli insediamenti urbani dei vivi, l’Egitto moderno supera questa dualità, trasformando la famosa Città dei morti de Il Cairo in luogo abitato da vivi e vegeti. L’immenso cimitero della capitale egiziana è diventato luogo di abitazione abusiva di una moltitudine impressionante di poveri che hanno trovato rifugio negli antichi monumenti funerari. 
La Città dei Morti  venne “costituita” intorno al  642 d.C.; sita ai piedi delle colline di Moqattam, ad est di al Fustat (l’antica Cairo) in questa area furono collocate le prime sepolture dei conquistatori arabi.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...